DIARIO DELL'IGOR LORO (31/03/2013)

 

DIARIO DELL'IGOR LORO (31/03/2013)

 

Terzo giorno dell'avventura in Alto Adige.

 

Ieri sera, a fine partita, si registra la prima debacle. Il "rosso volante"' stremato dalle battaglie, e' costretto a dare forfait. Passaggio in ospedale, visite e rientro in Cadore. Fortunatamente nulla di preoccupante, solo grande stanchezza (le battaglie sono durissime) su cui ha inciso la recente terapia antibiotica cui era stato sottoposto. Quindi un uomo in meno a disposizione del coach per le ultime tre sfide.

La notte scorre, quasi tranquilla, salvo le proteste, giunte alla reception, di alcuni vicini di camera degli orsetti, disturbati dall'eccessiva esuberanza di qualche piccolo plantigrado (nulla di grave). La mattina, arrivando a colazione, gli atleti giallo-blu trovano, davanti al posto di ognuno, un ovetto di cioccolato (e' Pasqua) il cui supporto è una medaglia di legno con dedica personalizzata a tergo. C'è anche quella per gli assenti.

Fortunatamente non piove più e la temperatura a Laives e' gradevole.

Preparati i borsoni si parte per Pergine. Qui giungono altri ultras i sostituzione di quelli che sono dovuti rientrare a casa. Le pon-pons ladies (qualcuno ha affermato che le mamme orso abbiamo vinto il premio avvenenza) preparano le coreografie.

Le linci attendono gli orsetti, con un vento gelido che, in Trentino, sferza le schiene dei malcapitati supporters. Per far passare il tempo consultiamo le statistiche del torneo. È preoccupante pensare che il numero 25 dei trentini, Yuri Cristellon,  e' al secondo posto tra i top scorers con 21 punti (18 gol e 3 assist).

Pronti e via (ricordiamo che, per noi, vale sempre la regola del “1, 2 e 3”). Infatti, un minuto di gioco (01.04) e Yuri sale a 22 punti e, dopo un periodo di buon contenimento, ancora lui (al minuto 11.01), si invola in contropiede e segna il 2 a 0. Passano due minuti e  il nostro “piccolo Budda” riesce a tenere un punk nel terzo di attacco ed a tirare: palo! Capitan Ciccio e' in agguato ed è il più lesto a ribadire in gol:  2 a 1 e speranze riaccese. Ad un minuto dalla fine (ormai la regola del 1, 2 e 3 vale anche nel count-down) ancora il piccolo Gagarin si invola verso la nostra porta e segna la tripletta personale. Poi una occasione per noi  e fine del primo drittel. 3 a 1 e tutti in spogliatoio.

Inizia la ripresa e, dopo un minuto e trentacinque (! …zo), il cosmonauta russo avversario (la sua velocità ci fa sospettare che abbia propulsori all'idrogeno sui pattini) va ancora a segno. Al nono minuto sempre lui ed e' 5 a 1.  Finisce così: “Yuri 5 - Pieve 1”. Menzione ancora al “Bed” di Caralte, l’”Harry Potter de ‘noaltri” che ha certamente limitato i danni, contrastando fisicamente il superboy avversario. Partita correttissima: nemmeno un giocatore si e' accomodato in panca puniti.

Si pranza e si parte verso Bozen. Sosta al Palaonda per vedere un pezzettino dei match fra le squadre "forti" ed assistere alla distruzione (10 a 0) degli ungheresi del Budapest ad opera dei tedeschi del Mannheim, candidati a contendersi la vittoria finale con gli austriaci della Selection Austria 2001.

Poi via in direzione Sill, per prepararsi alla sfida con le civette dell'Alleghe. Si arriva, così, come dice Peter spiegandoci dove è Sill, allo stadio che "e' alla fine di mondo". Riusciamo a strappare un tifoso agli avversari e vestiamo Erwin Martini con la nostra maglietta. Il fratello Marvin, in campo, non la prende bene.

Inizia la partita, ma il clima  in campo è troppo rilassato (non così sugli spalti, dove il tifo è “caldo”) . I nostri giocano infatti la loro peggior partita. Non lottano quasi mai e subiscono, anche quando sono in superiorità. Da segnalare, ad onor del vero, una nostra strenua difesa, in doppia inferiorità, dal minuto 14.44. Al minuto 17.35 (meno di tre minuti alla fine, per solita regola del 1, 2 e 3 in count-down), con Capitan Ciccio seduto sulla panca dei cattivi, le civette vanno in gol (finalmente un gol secondo logica: in inferiorità !). Primo tempo che si chiude sul punteggio di 1 a 0 per gli agordini senza registrare quasi nessuna conclusione nostra.

Anche loro, ad essere sinceri, non fanno molto, e quando, a metà del secondo tempo, un tiro di Ciccio entra in rete, ma a gioco fermo per un precedente fuorigioco, ed una conclusione tesa di Calty si stampa sul  palo interno, fermandosi poi sui gambali del portiere, comprendiamo che non è destino. Loro, infatti, vanno ancora in gol. 2 a 0. Fine dei giochi. E’ stata una “sporca battaglia” (quattro puniti per parte).

Concluso il girone C: noi terminiamo sesti ed il programma prevede che, domani, alle 10.00, torneremo a Sill per affrontare il Prime Tech (squadra dal nome strano, ma dovrebbe trattarsi del Fondo della Val di Non).

Per non farci mancare nulla e ravvivare la serata Lollo Calty, prima di cena, fa tappa in ospedale dove decidono di ricoverarlo in osservazione: la presenza di vomito (probabilmente un semplice problema di stomaco) ed il fatto di aver picchiato a terra la testa, durante la gara, dopo un contrasto, consigliano prudenza. Per domani rimangono disponibili solo dieci orsetti di movimento e due portieri.

Meno male che sarà l'ultimo giorno ....

 

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

SPONSOR

CALENDARIO

Settembre 2018
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

AVVISI UNDER 7/AVVIAMENTO

U9 FILEminimizer

AVVISI UNDER 9

U9 FILEminimizer

AVVISI UNDER 11

U11 FILEminimizer

AVVISI UNDER 13 CORTINA

2018 09 20 182835

AVVISI UNDER 15

2018 09 20 182805

AVVISI UNDER 17

2018 09 20 182738

AVVISI UNDER 19 CORTINA

2018 09 20 182713

AVVISI IHL DIVISION I

IHL FILEminimizer

SERIE AHL

2016 09 10 182224

 

 

2016 09 17 153952