RESOCONTO SETTIMANA 05-06 MARZO

RESOCONTO DEL FINE SETTIMANA (05-06 marzo)

 

Semaforo rosso per l’accesso dell’under 18 alle semifinali.

Rinviato per neve l’ultimo incontro under 14

Andata vincente nella finalina per l’under 12

Under 10 vincitrice del torneo Caldart

Under 8 in terra patavina

 

UNDER 10

TORNEO CALDART AD AURONZO

Questa settimana è d’obbligo, per tutte le categorie, inchinarsi e lasciare l’apertura alla nostra under 10, che conquista, per la prima volta, il torneo Caldart ad Auronzo di Cadore:

Nel week-end la team leader Mery conduce la truppa alla 19^ edizione del torneo Caldart di Auronzo. Il sabato è riservato al girone all’italiana ed i nostri sfoderano prestazioni super concludendo la giornata in testa alla classifica con sette vittorie ed un pareggio (in mattinata 8-0 agli ungheresi del Budapest 2, 3-2 all’Auronzo, 0-0 con Budapest 1, 6-1 al Milano, 2-0 al Dobbiaco e, nel pomeriggio, 4-2 allo Zoldo/Alleghe, 2-1 al Cortina e 5-1 agli austriaci del Lienz).

In semifinale ritroviamo il Budapest 1 che viene liquidato con un perentorio 3 a 0. Nell’altra semifinale i padroni di casa hanno la meglio sul Cortina con analogo punteggio. La finale è quindi una classica dell’Alto Bellunese: Pieve – Auronzo, in cui i galletti hanno l’obiettivo di “vendicare” la sconfitta nel girone del giorno prima. E’ un batti-ribatti sconsigliato ai deboli di cuore con i nostri sempre in rincorsa. Ad un minuto e mezzo dalla fine il gol del 3 a 2 per i galletti che sembra togliere la speranza di vittoria. I nostri hanno una tenacia entusiasmante e, a due secondi e mezzo dalla sirena, mentre già il pubblico di casa sta scandendo il count-down, siglano il gol del pari. Si va ai rigori. E qui l’ultima pennellata degli eredi del Tiziano al capolavoro di giornata: iniziamo noi la serie ed andiamo a segno, ma i galletti impattano; il nostro secondo tiratore è impreciso, ma il nostro goalie Mattia Fummi rimedia all’errore del compagno, parando il penalty avversario; l’ultimo nostro tiratore non fallisce e mette la tensione tutta sulla spalle del piccolo avversario designato che, per far rimanere in gara la sua squadra, deve segnare. Mattia rimane fermo e lo ipnotizza parando con il corpo il tiro che viene scagliato verso di lui. La sfida è nostra. Un mucchio di corpicini giallo blu seppelliscono il nostro portiere in un groviglio di soddisfazione. I nostri piccoli escono così imbattuti e, prima volta per la nostra società, portano il trofeo Caldart tra le mani. Ciliegina sulla torta: Francy da Pra premiato quale capocannoniere e miglior giocatore del torneo.

Una soddisfazione in più: solitamente in questi tornei non federali le squadre, per “rinforzarsi” impiegano nella loro formazione anche giocatori di altre società che non vi partecipano. Questa non è stata la nostra scelta: i piccoli che sono stati impiegati sono tutti nostri tesserati e, di questo, siamo orgogliosissimi.

… tralasciamo per carità di Patria di narrare il seguito della serata, con genitori festanti ….

STANDING OVATION AL NOSTRO GRUPPO UNDER 10 PER IL SUCCESSO CONQUISTATO !!!

 

UNDER 18

PIEVE – GARDENA 0-1 (0-0 0-0 0-1)

Cade il baluardo della Cadore Ice Arena e, di fatto, termina la rincorsa della nostra squadra maggiore.

Mentre attendiamo gli avversari di giornata arrivano via whatsapp immagini della corriera ribaltata su cui viaggiava l’under 18 dell’Asiago diretta a Vipiteno. Frenetico giro di telefonate alla ricerca di notizie, che giungono confortanti: tanto spavento, ferite lievi per qualche ragazzo. Auguri ai contusi di pronta guarigione.

Dopo lungo e periglioso viaggio i cavalli selvaggi del Gherdeina, squadra capoclassifica del torneo under 18 a 56 punti, scendono in Cadore. Per i nostri, a quota 50, è l’ultima chiamata. Obbligatorio vincere per continuare a sperare. Viene richiesto dai gardenesi breve spostamento dell’orario di inizio, concesso da società ed arbitri.

Si parte, ma tutti sono molto contratti, consapevoli dell’importanza dell’incontro. Si bada, soprattutto, a non scoprirsi e non rimanere in inferiorità con falli stupidi. Quando mancano poco più di due minuti  la copiosa nevicata in atto da ore fa saltare i fari. Si decide di sospendere la gara anticipando il riposo, in attesa che i fari si raffreddino e si attivino nuovamente. Il box score segna 0-0.

Si riprende e, dopo pochi secondi, primo fallo di giornata, degli ospiti. Giochiamo l’ultimo minuto del primo tempo ed il primo del secondo, senza concretizzare. Subito una seconda superiorità, che viene annullata dopo venti secondi dal fallo di Constantini che ci riporta in quattro contro quattro. Il punteggio non si muove Al minuto sette è Toffoli a finire sul pancone, ma superiamo indenni anche questi due minuti. Si va avanti e gli estremi difensori sono attentissimi a non farsi bucare. Nuova pausa causa illuminazione saltata e, alla seconda sirena, il punteggio è ancora il pedatorio 0-0

Si riprende e, al minuto nove, superiorità per noi senza esito e, al tredici, è Simone Dantone a finire sulla panca accanto ai cronometristi. Nuove interruzioni che fanno saltare i fari per due volte con lampi, talvolta azzurri e talvolta rossi, che mostrano spettacolo atmosferico mai visto prima. Si capisce che, se una squadra dovesse segnare, difficilmente verrebbe ripresa. Purtroppo la penalità di Simone costa carissima dato che viene concretizzata dai gardenesi. Si cerca di ribaltare la situazione, ma gli ospiti si difendono benissimo. A cinquanta secondi dalla fine togliamo il portiere e, a trentasette, il Gardena chiama il time out. Mentre si sta per riprendere il gioco nuova interruzione di corrente ed altra, prolungata pausa, Si è in campo ormai da quasi due ore e mezza. L’ingaggio è in attacco, ma i cavalli selvaggi ci respingono due volte. I secondi scorrono sino alla sirena e, per la prima volta, la Cadore Ice Arena capitola nei tempi regolamentari e, di fatto, svanisce la possibilità di accedere alle semifinali scudetto di categoria. Una partita giocata alla pari (32 tiri per ciascuna squadra), ma che il calcistico risultato di 0-1 rende amarissima. Nota di merito a “Jeff” Domenico dalla Santa, sempre attento e presente a chiudere, con gambali, pinza e scudo, sulle conclusioni avversarie, ed al “piccolo” (di età) “big-foot” Toffoli, con gran voglia di fare e mai timoroso nell’affrontare avversari più “vecchi” di lui.

Peccato, anche se l’accesso all’ultima fase non l’abbiamo certamente perso contro il Gardena, bensì nella prestazione timorosa di Feltre e, soprattutto, nella bruttissima partita giocata ad Egna.

La classifica dice Gardena e Valpusteria 59, inseguite, a quota 56, dal Renon, che, dal 16 gennaio, non perde un incontro (negli ultimi quindici giorni ha avuto la meglio, tra l’altro, su Valpusteria, Vipiteno e Fassa). Noi ed Asiago fermi a 50 (ma a noi mancano due incontri ed a loro quattro). Ad un punto il Fassa (a cui mancano tre gare). Vipiteno tenuto in corsa solo dalla matematica.

Ora ultima trasferta, sabato 12, a Merano e poi conclusione in casa, il 19, contro l’Asiago.

 

UNDER 14

Rinviata l’ultima gara contro il Fiemme. Sabato il team leader Daniele comunica agli avversari che non intende, date le condizioni meteo, partire verso Cavalese. Ne ha ben ragione, dato anche quanto poi, nel primo pomeriggio, capita all’Asiago. La partita verrà recuperata quanto prima, forse in giornata infrasettimanale.

 

UNDER 12

TRENTO - PIEVE (1-6) - FINALE ANDATA 3-4^ POSTO

I nostri orsetti dell’under 12 si recano a Trento, domenica mattina, per disputare l’andata della finalina del campionato Veneto-Trentino. Nella partita vanno in crescendo, riportando alla fine una netta vittoria per 6 a 1. Nella finale per il primo posto l’Asiago va come un rullo compressore sul Val di Non (14-0) e certifica come la semifinale di settimana scorsa tra noi e gli stellati sia stata, di fatto, una finale anticipata. La stessa società dell’Altopiano aveva riportato tale considerazione nell’articolo, al termine della gara giocata con noi, sul suo sito. A loro i complimenti per quanto stanno dimostrando ed un ringraziamento per le belle parole spese nei nostri confronti.

Sabato 12 festa finale alla Cadore Ice Arena per la sfida di ritorno con i trentini. Nel frattempo i nostri si sono recati, martedì 08, a Brunico per una amichevole contro il Valpusteria che è stata utile per saggiare quale sia il nostro livello confrontandoci con una squadra Altoatesina. Così ha fatto anche l’Asiago disputando alcune amichevoli con l’Egna.

 

UNDER 8

MAGLIE MISTE A PADOVA

Nonna orsa scende nelle sue terre d’origine domenica 06 portando con sé tredici dei suoi ventiquattro baby, data influenza che sta mietendo vittime in continuazione. Giungono a Padova complessivamente una settantina di piccoli discatori da tutto il Veneto, mentre Alleghe e Zoldo danno forfait causa condizioni delle strade.

Gran bella festa con ottima organizzazione della società patavina che, alla fine, prepara per tutti (genitori compresi) hot-dog, patatine fritte, frutta, dolci e caffè.

Gran bel gruppo di genitori, sempre più compatti attorno alla loro team leader, sempre disponibili ad accompagnare i loro piccoli e partecipare ai vari appuntamenti. Bravi!!

Prossimi appuntamenti ufficiali ad inizio aprile, per chiudere la stagione.

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online

SPONSOR

CALENDARIO

Aprile 2018
L M M G V S D
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6

AVVISI UNDER 7/AVVIAMENTO

U9 FILEminimizer

AVVISI UNDER 9

U9 FILEminimizer

AVVISI UNDER 11

U11 FILEminimizer

AVVISI UNDER 13 CORTINA

U13 FILEminimizer

AVVISI UNDER 15

U15A FILEminimizer

AVVISI UNDER 15 CORTINA

U15B FILEminimizer

AVVISI UNDER 17

U17 FILEminimizer

AVVISI UNDER 19 CORTINA

U19 FILEminimizer

AVVISI IHL DIVISION I

IHL FILEminimizer

SERIE IHL

SERIE AHL

2016 09 10 182224

 

 

2016 09 17 153952